Da compagnia e di semplice gestione: La cavia peruviana
Da compagnia e di semplice gestione la cavia peruviana, specificamente a pelo lungo, ed il porcellino d’India, varietà a pelo corto, sono vivaci, allegri, docili compagni di gioco che, dico subito, consiglierei anche

disponibili in negozio:
cavia peruviana
porcellino d'india

per bambini di 2-3 anni d’età purché, logicamente, sotto l’occhio vigile dei genitori. Le cavie peruviane non mordono mai, emettono ogni tanto un simpatico gridolino acuto tipo “quiii-quiii”, e tenute in braccio si fanno coccolare, spazzolare , ed accettano il cibo dalla mano tuttavia, se fatte cadere o troppo schiacciate dai bimbi, possono farsi del male. Per un animale solo o per una coppia è necessaria una gabbia di metallo di 80 x 50 cm.circa, con fondo in plastica, sul quale metteremo materiale assorbente da lettiera, come pellets di segatura o tutolo di mais. Dotiamo la gabbia di un beverino a goccia, per l’acqua, da appendere all’esterno; internamente invece una o due mangiatoie agganciate, per non che possano essere rovesciate. Il porcellino d’India è un roditore, deve masticare continuamente per consumare i denti che crescono per tutta la vita, e fondamentalmente necessita di buon fieno di prato polifita. Si può integrare la dieta con miscele di semi e pellettato ma non si dovrà eccedere le tre-quattro somministrazioni a settimana, graditissima invece la frutta e la verdura , con la ferrea accortezza di non proporle fredde di frigo o bagnate: ciò comporterebbe eccessiva fermentazione intestinale e diarrea. Ottima ed indispensabile l’aggiunta quotidiana di vitamina C: quindi peperoni, agrumi tagliati a metà senza essere sbucciati, o un integratore di vitamina C da mettere nel beverino. Non daremo mai invece latte e latticini di cui sono intolleranti. 

Come farsela amica?

Nei primi giorni sarà meglio lasciare la cavia tranquilla, disturbandola solo per somministrare il cibo e cambiare l'acqua. Dopo di che bisognerà abituare l'animale alla presenza umana avvicinandolo evitando i rumori forti ed i movimenti troppo bruschi.
Un'arma eccezionale nell'addestramento è l'offerta di cibo gradito al quale pian piano affiancheremo piccole carezze.
Con il tempo la cavia riconoscerà la persona che si occupa di lei, sarà allora arrivato il momento di prenderla in braccio e di farle fare le prime esplorazioni al di fuori della gabbia. In questa occasione sarà molto utile insegnare all'animale un richiamo (utilizzando la solita somministrazione di leccornìe).

La cavia peruviana non richiede alcun vaccino e non ospita le pulci di cane e gatto

ecco alcuni alimenti da noi proposti:clicca quì